Tredicesima solidale: un’iniziativa dal bassomattia
Dom, 12/13/2020 – 07:30


Italian

Pietro Greco

A Napoli lo chiamano “il caffè sospeso”, Entri in un bar, prendi un caffè e ne paghi due. I soldi che tu lasci al barista serviranno a pagare ‘na tazzulella e café per qualcuno che ama la bevanda ma non se la può permettere. Insomma, “Il caffè sospeso” è un caffè solidale. Un atto di generosità che resterà anonimo.

Quello che qui proponiamo nasce da un’idea di Nicoletta Maraschio e pochi altri – citiamo la presidente emerita dell’Accademia della Crusca perché è lei che ce l’ha proposta – che intende avere una vasta adesione: “la tredicesima sospesa”. O, più correttamente, la “tredicesima solidale”

Una tredicesima, per quanto modesta, per chi è stato travolto anche economicamente dalla pandemia.

Come si può leggere nel manifesto/appello per una tredicesima solidale, non si tratta solo di una manifestazione filantropica (e non sarebbe poco). L’iniziativa dal basso è e vuole essere un atto politico. Che sottolinea l’importanza di una maggiore e concreta uguaglianza nella distribuzione del reddito, anche e soprattutto in momenti difficili quando le entrate familiari crollano per cause esterne e i paracadute aperti non sono sufficienti. 

Per ora la “tredicesima sospesa” può essere un ristoro. Ma in prospettiva deve essere una forma organizzata e stabile di welfare state al tempo della pandemia e di ogni altra catastrofe.

Aderite! 

SOCIETÀ

A Napoli lo chiamano il caffè sospeso, quello che qui proponiamo nasce da un’idea di Nicoletta Maraschio e pochi altri. Si tratta della “tredicesima solidale” per chi è stato travolto, anche economicamente, dalla pandemia. Un’iniziativa dal basso – con un appello – che vuole essere anche un vero e proprio atto politico

hp
1

Comments

comments