0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×

Giovedì 5 ottobre alle 16:00, l’Ufficio Progetto Giovani organizza l’incontro con Peppe Fiore e Virginia VirilliCome si scrive una serie: dispositivi narrativi a puntate“, dedicato alla sceneggiatura per le serie TV.

L’appuntamento rientra all’interno della Fiera delle Parole, rassegna letteraria che dal 3 all’8 ottobre 2017 porta a Padova protagonisti scrittori, giornalisti, critici, personaggi della cultura e dello spettacolo del panorama nazionale e internazionale.

La partecipazione all’incontro è gratuita, ma è necessaria la registrazione online tramite il sito della Fiera delle Parole.

L’incontro

Peppe Fiore e Virginia Virili, con Claudio Corbucci, Bernardo Pellegrini, Francesco Cioce, Luca Monesi, Valentina Gaddi, Sebastiano Melloni, Lara Prand, Viola Rispoli, Mirko Cetrangolo, Matteo Menduni, sono due dei dodici sceneggiatori della serie TV “Non Uccidere“.

Nell’appuntamento di Padova, Fiore e Virilli racconteranno i dispositivi narrativi in grado di generare storie senza fine e personaggi che tendono a evolversi senza sosta, spiegheranno come si scrive un episodio e come un editor lavora ai dialoghi.

Creata da Claudio Corbucci, “Non uccidere” è una coproduzione Rai Fiction FremantleMedia Italia, prodotta da FremantleMedia Italia, Rai Produzione Tv – Centro Produzione Rai di Torino e con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte.  “Non uccidere”, una delle serie più innovative della fiction italiana, è stata distribuita in vari paesi del mondo ed è attualmente in onda, con la prima stagione, in Francia e in Germania sul canale francotedesco Arte.

I protagonisti

Peppe Fiore

Peppe Fiore è nato a Napoli nel 1981 e vive a Roma, dove alla professione di sceneggiatore affianca la scrittura di romanzi. Ha pubblicato, fra gli altri libri, “La futura classe dirigente” (minimum fax 2009) e “Nessuno è indispensabile” (Einaudi 2012). Sempre per Einaudi, ha appena pubblicato “Dimenticare” (2017).

 

 

Virginia Virilli

Virginia Virilli, dopo il diploma all’Accademia Teatrale dell’Orologio di Roma, gli studi di architettura ed esperienze di attrice ed aiuto regista nella scena teatrale romana, nel 2005 scrive il suo primo monologo “Mammamiro”. Nel 2007 il suo testo “Micamadonne” vince il premio Roma “Donne e Teatro” e il bando per artisti emergenti “Nutrimenti ’07”. Nel 2008 il Teatro Stabile dell’Umbria decide di produrre la trilogia “Micamadonne” per la stagione 2008/09. Nel 2009 viene segnalata come nuova attrice under 30 al Premio Ubu e debutta con lo spettacolo “Ariosa”. Scrive e gira alcuni sketch teatrali intitolati “Giovanna ai provini” per il programma di approfondimento teatrale “Chi è di scena” (Raitre). Nel 2010-2011 dà una dimostrazione del suo lavoro all’interno del seminario di scrittura di Stefano Benni, scrive e dirige il documentario “Fucsia” prodotto da Incredibile Machine (Roma). Nel 2012 esce il suo primo romanzo “Le ossa del Gabibbo” per Feltrinelli.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Comments

comments