Dirty Money: le ecomafie in Veneto chiara
Mer, 03/06/2019 – 15:22
Redazione

SOCIETÀ

Incontro in occasione giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie
Polo didattico di Via Gradenigo
Aula Ke



45.4081172, 11.8943786

Evento Facebook

Nel corso dell’appuntamento si  parla di ecomafie in Veneto con Gianni Belloni, il giornalista Luca Cirese (Legambiente Padova) e Fausto Pozzobon (Legambiente Veneto)

Per il 2019 Libera ha scelto di celebrare la giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie nel territorio del Nord Est. Per la prima volta infatti il 21 marzo sarà nel Triveneto e vedrà come piazza principale la città di Padova.

Il passaggio a Nord Est di Libera è un’occasione di riflessione e rilancio per questo territorio, per cogliere come il contesto imprenditoriale e politico del triveneto, con il suo tessuto di scambi commerciali, culturali e sociali, abbia potuto incontrare e rapportarsi con le organizzazioni mafiose, nella connivenza e nella sregolazione. È una possibilità per comprendere e analizzare come un piano di sviluppo locale, impostato sullo sfruttamento delle risorse e del patrimonio naturale ma riconosciuto per essere capace di produrre ricchezza e prosperità, sia in realtà un terreno che ha permesso alle mafie e alla corruzione di irrompere, legarsi al territorio e aggredirlo: il circuito e il mercato dello smaltimento dei rifiuti, le grandi opere, la speculazione sulle infrastrutture e le reti energetiche,  la cementificazione e il consumo di suolo.

Si tratta di un territorio in cui le mafie, penetrando attraverso le maglie del mercato in assenza di manifesta violenza omicida, risultano ancora invisibili o peggio sono accettate per convenienza come operatori del mercato, potendo movimentare flussi finanziari e garantendo un controllo della manodopera a prezzi competitivi. Eppure quotidianamente le mafie producono violenza e sopraffazione in Veneto, violentando le nostre terre, la nostra aria, la nostra acqua e le nostra salute. Ma la nostra è anche una terra attraversata da tante lotte e conflitti ambientali, che da sempre animano e difendono il territorio veneto: la lotta contro l’ondata di cementificazione e le installazioni militari, così come le battaglie contro le Grandi Navi nella laguna di Venezia e quelle contro le grandi Opere come il Mose. I focolai di resistenza contro lo sfruttamento dei nostri territori e contro le ecomafie non sono battaglie slegate tra di loro o altre rispetto a quella contro il cambiamento climatico: ciascuna città, ciascun territorio, racconta una storia diversa di lotte e conflitti per la terra, l’aria, l’acqua e la salute, e lo stesso fanno i numerosi comitati, i movimenti e le associazioni del triveneto.

In collaborazione con Asu Padova/ Il Sindacato degli Studenti/Libera Padova/Leds/Legambiente Padova.

soldi

On

Comments

comments